Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
Condividi: Facebook Twitter
 
 

Giornata Internazionale della Lingua Madre

Il multilinguismo come strumento di inclusione educativa e sociale è al centro della giornata del 21 febbraio che celebra il diritto di ogni popolo ad esprimersi nella propria lingua madre.

Giornata Internazionale della Lingua Madre 2021
Bambini apprendono l'alfabeto in una scuola del Bangladesh (ę UNICEF/BANA2014-00573/Mawa)


La Giornata Internazionale della Lingua Madre si celebra annualmente il 21 febbraio con l'obiettivo generale di promuovere la diversità linguistica e culturale e il multilinguismo. E' stata istituita dall'UNESCO nel 1999 su proposta del Bangladesh, per ricordare la sollevazione avvenuta nel 1952, nell'allora Pakistan orientale, in difesa del bengalese, madre lingua di quella parte del paese, contro l'imposizione della lingua urdu. Diversi studenti dell'Università di Dacca fuono uccisi dalle forze di polizia del Pakistan (che allora comprendeva anche il Bangladesh).

La 22a edizione di questa Giornata viene celebrata mentre il mondo deve affrontare un'interruzione dell'istruzione senza precedenti, causata da COVID-19. La pandemia ha già messo in luce, e si prevede comunque che enfatizzerà ulteriormente, disuguaglianze, emarginazione e esclusione.

Il tema scelto quest'anno "Fostering multilingualism for inclusion in education and society" (Promuovere il multilinguismo per l'inclusione nell'istruzione e nella società), riconosce che le lingue e il multilinguismo possono promuovere l'inclusione e contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile che si basano sul principio del "non lasciare nessuno indietro".

L'UNESCO ritiene che l'istruzione, basata sulla lingua prima o lingua madre, debba iniziare fin dai primi anni di vita poiché la cura e l'istruzione della prima infanzia costituiscono il fondamento dell'apprendimento.

Il tema di quest'anno apporta un suo contributo anche al Decennio internazionale delle lingue indigene delle Nazioni Unite (2022-2032), di cui l'UNESCO è l’agenzia capofila, che pone il multilinguismo al centro dello sviluppo delle popolazioni indigene.

L'evento celebrativo di quest'anno si terrà a Parigi in modalità a distanza il 19 febbraio alle ore 10.00 (Paris time) attraverso un webinar (in inglese, francese e spagnolo con traduzione simultanea e lingua dei segni) che tratterà due tematiche:

  • il ripensamento delle politiche e pratiche inclusive per l'insegnamento e l'apprendimento in contesti multilingue;
  • il perfezionamento dell'inclusione attraverso il multilinguismo, compreso il linguaggio dei segni, nell'educazione e cura nella prima infanzia (ECCE - Early childhood education and care), quale fondamento per l'apprendimento.

In occasione della Giornata, la Commissione Nazionale Italiana per l'UNESCO ha pubblicato un nuovo tema in evidenza dal titolo “L'UNESCO E LA DIVERSITÀ LINGUISTICA - IL CASO DELL'ITALIA”, in cui viene approfondito l'impegno dell'UNESCO nella promozione e nella tutela del multilinguismo e rappresentata la situazione nel nostro paese, dove dodici "Minoranze linguistiche storiche" sono riconosciute a livello normativo.

 

 

 

Lo sapevate che ....
Nel cuore di Roma, nel parco Rabin a fianco di via Panama, si trova un monumento dedicato alla Lingua Madre. Questa struttura è una replica del Monumento Centrale alla Lingua Madre (Shaheed Minar) situato a Dhaka, in Bangladesh, ed è dedicato idealmente a tutti i martiri di quel Paese il cui sacrificio ha permesso di costituire uno stato separato nel 1971 e in particolare a coloro che nel 1952 morirono per difendere la propria lingua madre, il Bangla.
Dal 2011, anno della sua inaugurazione, in occasione della Giornata Internazionale della Lingua Madre, vi si tiene una cerimonia ufficiale commemorativa, organizzata dall’Ambasciata del Bangladesh.