Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
Condividi: Facebook Twitter
 
 

Minoranze kosovare studiano in Trentino

​​​​Una delegazione del Consultative Council for Communities visita il Trentino per capire come vengono riconosciute, promosse e tutelate le locali minoranze linguistiche storiche

​​​​Una delegazione del Consultative Council for Communities del Kosovo ľ con il suo presidente Gazmen Salijevic - ha incontrato stamane a palazzo Trentini il presidente del Consiglio provinciale, Bruno Dorigatti.
L'occasione Ŕ stata creata dall'Associazione Trentino con i Balcani ľ rappresentata dalla sua presidente, Laura Bettini ľ organizzazione che da molto tempo fa da attiva interfaccia nei fitti rapporti tra la nostra Provincia e il giovane Stato della regione balcanica. In sala Aurora sono stati accolti i nove membri della delegazione in missione trentina, rappresentanti delle svariate minoranze chiamate a convivere dentro i confini kosovari: c'erano il rappresentante della comunitÓ rom, quello serbo e quello bosniaco, assieme a un consigliere del Presidente della Repubblica ... Continua a leggere il comunicato stampa dal sito del Consiglio della Provincia autonoma di Trento (4 maggio 2017)

 


Da sapere:


Il Consultative Council for Communities - CCC (Consiglio Consultivo per le ComunitÓ), istituito nel 2005, Ŕ un organo di rappresentanza delle comunitÓ di minoranza presenti sul territorio kosovaro, nello specifico: serba, bosniaca, turca, gorana, rom, ashkali, egiziana, montenegrina e croata. Il suo mandato Ŕ fornire un meccanismo per lo scambio regolare tra le comunitÓ e il governo del Kosovo, in particolare:

  • facilitare l'organizzazione e l'articolazione delle necessitÓ delle comunitÓ e dei loro membri in relazione alla legislazione, alle politiche pubbliche e ai programmi;
  • fornire un forum di coordinamento e consultazione tra le comunitÓ;
  • dare la possibilitÓ alle comunitÓ di partecipare attivamente alle fasi iniziali concernenti le iniziative legislative o politiche relazionandosi al Governo;
  • consentire alle comunitÓ di partecipare alla valutazione dei bisogni, alla progettazione, al monitoraggio e alla valutazione dei programmi con focus sulle minoranze;
  • fare raccomandazioni durante i processi decisionali relativamente alla ripartizione dii fondi, sia internazionali che governativi, per progetti riguardanti le comunitÓ di minoranza;
  • contribuire a relazioni armoniose tra tutte le comunitÓ all'interno della Repubblica del Kosovo.

Il CCC istituisce dei quadri di riferimento per la tutela dei diritti delle comunitÓ in Kosovo cosý da garantire la piena tutela dei diritti individuali e dei diritti delle comunitÓ per i rappresentanti delle minoranze in Kosovo. I quadri di riferimento sono presentati durante i colloqui di stato e sono alla base delle leggi sulla promozione dei diritti della comunitÓ e di protezione e dei loro rappresentanti.