Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
Condividi: Facebook Twitter
 
 

Autorità per le minoranze linguistiche del Trentino

Presentata a Trento la relazione annuale dell'organismo di garanzia: elevate le tutele giuridiche, ma mòcheni e cimbri senza un piano socio-economico sono a rischio

​​​​​​​​La parte in ombra sta nella mancanza, per quanto richiesta da tempo, di un piano economico – sociale per mettere in sicurezza le minoranze più deboli, cioè mocheni e cimbri; la parte in luce nella solida corazza legislativa che è stata resa ancora più forte dalla recente legge regionale, dalla norma di attuazione sulla scuola ladina e dal dibattito nella Consulta per la riforma dello statuto dove il tema delle minoranze è stato centrale. Questa potrebbe essere la sintesi estrema della relazione dell'Autorità per la tutela delle minoranze presentata giovedì 14 giugno dal presidente Dario Pallaoro, da Giada Nicolussi e Luciana Rasom.
"Le criticità ci sono - ha esordito Pallaoro - ma rispetto ad altre minoranze qui abbiamo un buon modello legislativo e finanziario". Un modello, come ha dimostrato una ricerca condotta dal Istituto di statistica della Provincia, che ha permesso di mantenere la coesione sociale all'interno delle minoranze, cioè un senso di appartenenza e un legame alla propria lingua e cultura. Passi avanti decisivi, ha ricordato il Presidente dell'Autorità per le minoranze linguistiche, sono stati fatti nel campo dell'alta formazione, strategica per la preparazione degli insegnanti nelle lingue minoritarie. Risultati che sono stati permessi anche dai finanziamenti della Pat per il sostegno delle attività a favore delle minoranze, 750 mila euro, e quello della Regione che arriva a 1 milione e 850 mila euro.
Pallaoro ha ricordato però che le minoranze stanno subendo la pressione della globalizzazione che si incarna nei nuovi mezzi di comunicazione, nei social che tendono ad appiattire addirittura le lingue nazionali. Anche su questo fronte è importante la scuola. Se per i ladini, ha ricordato, sono state superate le polemiche e il ladino è stato inserito a pieno titolo nel disegno del trilinguismo, per mòcheni e cimbri i problemi rimangono. Prima di tutto quello della continuità didattica dopo le elementari. C'è il rischio della dispersione - ha ricordato il Presidente Pallaoro -: i bambini di Luserna dopo le elementari di Lavarone non continuano lo studio della loro lingua, così come quelli mòcheni dopo le elementari di Fierozzo/Vlarötz continuano la loro carriera scolastica a Pergine. Problemi rimangono sul versante della toponomastica e su quello delle gestioni associate dei comuni. L'uso delle lingue delle minoranze nella pubblica amministrazione incontra difficoltà, anche se, in particolare il Comun general de Fascia, ha ricordato il Presidente, si stanno facendo passi avanti. Su un punto ha insistito Dario Pallaoro: la necessità di introdurre un sistema di valutazione dell'efficacia delle politiche per le minoranze. Un sistema per controllare e verificare l'uso delle risorse in base a piani e obiettivi chiari. Un metodo, ha ricordato, che dovrebbe prendere a modello quello basco che ha dato buoni risultati. Ottimo e centrale, infine, il rapporto con l'Università di Trento, in particolar modo sul piano della formazione.
Però, tornando all'inizio, per salvare le minoranze bisogna prima di tutto mettere nelle condizioni le comunità di rimanere a vivere sui territori. "Senza un piano di sviluppo socio - economico - ha ribadito Pallaoro - cimbri e mocheni rischiano. Perché se i giovani se ne vanno è finita". (Leggi l'articolo completo)
(Fonte: Giornale online del Consiglio della Provincia autonoma di Trento)


Per informazioni:
Autorità per le minoranze linguistiche
Palazzo Trentini -3° piano
Via Manci 27 - Trento
Tel. +39 0461 213100