Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
Condividi: Facebook Twitter
 
 

La lingua v§ro nell'educazione scolastica in Estonia

E’ dedicato alla lingua võro l’ultimo dossier pubblicato da “Mercator”, il centro di ricerche sul multilinguismo e l’apprendimento delle lingue con base in Frisia, nei Paesi Bassi

L’olandese Mercator, il Centro di ricerca europeo sul multilinguismo e l’apprendimento delle lingue, si occupa di acquisire, far circolare e mettere in pratica le conoscenze maturate nel settore dell’insegnamento di lingue minoritarie e regionali, di quelle lingue cioè che differiscono dalla lingua ufficiale dello Stato dove vengono parlate e che sono tradizionalmente utilizzate all’interno di un determinato territorio da cittadini di uno Stato che formano un gruppo numericamente inferiore rispetto al resto della popolazione.
Da molti anni, per raggiungere l’obiettivo di acquisizione e circolazione di informazioni e conoscenze, il Mercator si avvale di un importante strumento di ricerca e divulgazione: la collana dei Dossiers Regionali.
I Dossiers indagano i sistemi scolastici delle regioni europee dove vi siano delle lingue storiche di minoranza, fornendo informazioni dettagliate e concise e statistiche scolastiche di base.
I fascicoli vengono redatti seguendo una struttura standardizzata, che facilita l’eventuale successivo confronto tra diverse regioni, e sono pensati soprattutto per un pubblico di politici, ricercatori, insegnanti, studenti e giornalisti.
"The Võro language in education in Estonia" è l'ultima pubblicazione in ordine di tempo ed è dedicata all'offerta formativa in lingua võro in Estonia. Questo dossier è stato originariamente compilato dal Dr. Kadri Koreinik dell'Istituto Võro. La dott.ssa Kara D. Brown (Università della Carolina del Sud), la dott.ssa Sulev Iva (Università di Tartu, Istituto Võro) e la dott.ssa Kadri Koreinik (Università di Tartu, Istituto Võro) hanno aggiornato il fascicolo nel 2018.
L'intera collana dei Dossier Regionali è messa a libera disposizione degli interessati sul sito internet del Mercator Research.