Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
Condividi: Facebook Twitter
 
 

Festa della lingua ladina

Il teatro: questo il tema conduttore dell'Aisciuda Ladina 2017 che nella prima settimana di maggio celebra l’identità, la cultura e la lingua di minoranza della comunità di Fassa

Sta per prendere il via la nona edizione della “Aisciuda Ladina”, il Festival della lingua e della cultura ladina che si terrà in Val di Fassa dal 1° al 6 maggio.
Il periodo dell’anno in cui viene organizzata questa iniziativa, non è casuale: fa riferimento ad un fatto storico accaduto il 5 maggio 1920 quando per la prima volta i ladini di tutte le cinque vallate attorno al Sella si riunirono a Passo Gardena per dimostrare il loro sentirsi un unico popolo, unito dalla stessa lingua, storia e cultura. E’ qui che compare per la prima volta la bandiera ladina, con i colori verde, bianco e blu come i pascoli, i boschi, la neve e il cielo di questa terra.
La “Aisciuda Ladina” di quest’anno è dedicata al teatro: protagonisti principali saranno dunque i gruppi teatrali dell’intera valle che hanno saputo dare, attraverso la loro arte, un importante contributo alla ladinità delle genti fassane.
Recitare significa comunicare delle emozioni e confrontarsi, è un modo piacevole e originale per esprimere sentimenti, ma allo stesso tempo è un momento didattico, un modo giocoso per imparare nuovi linguaggi.
Proprio partendo da questa riflessione, l’edizione 2017 dell’Aisciuda Ladina - festa del lengaz” (Primavera Ladina - festa della lingua), vuole essere un momento di ringraziamento dei gruppi teatrali che tanto si sono impegnati per valorizzare la lingua ladina in tutte le sue varianti, riuscendo così a preservarne e aumentarne la ricchezza lessicale e polinomica.
A questi gruppi appartengono anche attori che non sono ladini di nascita e che si avvicinano in questo modo al ladino per impararlo.
E sono proprio loro, i nuovi parlanti, che oggi più che mai rappresentano il futuro di una lingua minoritaria: per loro il teatro può essere un primo passo verso la ladinità, per i valligiani invece anche un modo semplice e divertente per accogliere e includere il forestiero nella comunità locale, oltre che per tenere vivo il proprio senso di appartenenza.
Per questo il confronto con due esperti di comunicazione di grande esperienza internazionale, Alessandro Arici di Predazzo e Simon Kostner della Val Badia, darò modo agli attori amatoriali e a tutti coloro che lo desiderano di conoscere da vicino quest’arte e di capire come, attraverso il teatro, i ladini possano trovare anche un nuovo modo di accogliere le persone che sempre in maggior numero vengono a trascorrere le loro vacanze da ogni parte del mondo in queste vallate, affascinati dall’ambiente dolomitico ma anche dalle tradizioni e dalla cultura delle genti che le abitano.
All’anteprima della manifestazione che si terrà il 1° maggio all’oratorio di Pozza di Fassa, protagonisti saranno i giovani fassani del progetto “Risola” con uno spettacolo di giocoleria; seguirà alle 18.00 alle vecchie scuole di Penìa l’inaugurazione ufficiale alla presenza di tutti i gruppi teatrali ladini della valle. Dalla sera e per tutte le sere a seguire fino a sabato 6 maggio, nei vari teatri da Soraga a Penìa andranno in scena delle commedie in ladino; unica eccezione la sera di giovedì 4 maggio quando a Vigo di Fassa sarà possibile partecipare ad un incontro/laboratorio con l’attore Simon Kostner. E interessanti saranno anche gli eventi finali in programma sabato pomeriggio a Canazei presso il Cinema Marmolada: "Fascia has got talent" un laboratorio sperimentale sul teatro ladino tenuto da Alessandro Arici, e una videoproduzione ad hoc realizzata dal Laboratorio Ensema (insieme) di Campitello, uno dei progetti della Cooperatica sociale "Oltre".

Siete tutti attesi a teatro, grandi e piccini, per inaspettati momenti di allegria e divertimento … una gradevole ventata di primavera … una ventata di Aisciuda Ladina!



Quando:
1-6 maggio 2017

Dove:
diverse località della Valle di Fassa

Per informazioni:
Comun General de Fascia
Servizi Linguistici e Culturali
Str. di Pré de gejia 2 - 38036 POZZA DI FASSA / POZA (TN)
Tel. 0462 762158
Email: cultura@comungeneraldefascia.tn.it
Web: www.comungeneraldefascia.tn.it