Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
 

Conferenza delle Minoranze linguistiche del Trentino

I rappresentanti delle comunità cimbra, ladina e mòchena si sono incontrati in modalità a distanza per la 34esima Conferenza delle Minoranze linguistiche storiche del Trentino

Un momento della 34^ Conferenza delle Minoranze dalla Sala Trentino
Un momento della 34^ Conferenza delle Minoranze dalla Sala Trentino


La Conferenza delle Minoranze linguistiche del Trentino, l’organo istituito a livello provinciale per garantire la tutela e la promozione delle minoranze linguistiche locali (L.P. del 19 giugno 2008, n.6) si è riunita nel pomeriggio di martedì 11 gennaio in video conferenza, la ormai consolidata modalità imposta dalla crisi pandemica in corso.

Secondo i punti all'ordine del giorno, la Conferenza ha dato parere favorevole all'unanimità sul programma degli interventi per l'editoria e l'informazione 2022, sulla suddivisione del fondo provinciale per le minoranze, che per l'anno 2022 ammonta a circa 739.000 euro e sul rinnovo della convezione RAI Com/PAT fino a metà febbraio 2022 (data in cui è previsto il passaggio al nuovo digitale terrestre) per la diffusione della programmazione televisiva e radiofonica in lingua tedesca e ladina sul territorio della Provincia autonoma di Trento.

Proseguiranno quindi le uscite sulla carta stampata locale di pagine in lingua minoritaria, le edizioni dei TG ladino, mòcheno e cimbro, le produzioni televisive e radiofoniche in ladino curate dal Comun general de Fascia, ma si realizzeranno anche i progetti presentati dagli Istituti culturali e da quelli scolastici che mirano soprattutto alla preservazione della lingua attraverso attività di formazione per tutte le età, realizzazione di materiali didattici, di video-produzioni, di banche dati, costruzione di reti con altre minoranze linguistiche, innovazione tecnologica o organizzazione di concorsi letterari.

In apertura dei lavori il Presidente della Provincia Maurizio Fugatti ha sottolineato che l’impegno della Provincia nel potenziare tutte le azioni verso gli enti coinvolti nella tutela delle minoranze non viene a mancare anche in un momento finanziariamente non dei migliori, rinnovando la vicinanza dell'Amministrazione provinciale alle comunità linguistiche storiche.

Nell’ambito dei lavori sono state ricordate anche alcune importanti attività che hanno visto la luce nel 2021 ma che si concretizzeranno nel corso del 2022:

  • il progetto relativo alla realizzazione di un manuale per l’educazione civica intitolato “Minoranze e società inclusiva” in collaborazione con l’Università di Trento;
  • l’accordo con la Fondazione Museo storico del Trentino per la realizzazione e messa in onda di video-produzioni dedicate alla divulgazione della conoscenza delle nostre comunità linguistiche storiche, attraverso la valorizzazione dei preziosi archivi patrimonio degli Istituti culturali ladino, mòcheno e cimbro;
  • la presentazione della pubblicazione “Popoli senza frontiere - volume 2. Tradizioni e territori delle minoranze linguistiche storiche del Trentino. Cimbri, Ladini e Mòcheni”, frutto di una collaborazione con l’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale del Ministero dei beni culturali;
  • il finanziamento di una ricerca socio-linguistica curata dall’Università degli Studi di Trento sulla salute delle lingue minoritarie, i cui risultati permetteranno di orientare le scelte delle politiche per le minoranze linguistiche.