Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
Condividi: Facebook Twitter
 
 

Cimbri dei Sette Comuni

Lunedì 7 agosto a Rotzo/Rotz, la comunità cimbra dell'Altopiano di Asiago si dà appuntamento nelle ore serali per rivivere l'antica tradizione del filò

Secondo e ultimo appuntamento estivo con il “Filò dei Cimbri”, interessante incontro storico/culturale organizzato dall'Istituto di Cultura Cimbra di Roana. Questi gli argomenti di cui si parlerà:

  • Dialogo in cimbro proposto dagli allievi del corso di lingua cimbra
  • Video del corso di lingua cimbra di Rotzo
  • Presentazione del libro: "Lidia la selvaggia e i suoi racconti" di Lidia Dal Pozzo
  • La Strafexpedition (filmato)
  • I cognomi delle famiglie di Rotzo

Siete tutti invitati a partecipare!


Quando:

Lunedì 7 agosto 2017, ore 20.45

Dove:
Scuole Elementari di Rotzo/Rotz (VI)

Per informazioni:
ISTITUTO DI CULTURA CIMBRA “Agostino Dal Pozzo”
Via Romeo Sartori 20 - 36010 ROANA/ROBAAN (VI)
Email: cimbri7comuni@gmail.com



Curiosità: il “filò”
La vita sociale dei borghi alpini assumeva un tono particolare nelle sere dei lunghi e rigidi inverni. Solitamente da novembre a marzo, nella stalla più capiente della contrada o del proprietario più ospitale o influente (talvolta anche in più stalle, se la contrada era grande), tutte le persone si riunivano dalle 20 fin verso le 23 circa, sfruttando il calore emanato dagli animali per scaldarsi. Era l'ora del "filò", un momento molto importante dì socializzazione e di trasmissione della cultura contadina.
Se ne approfittava per fare dei lavoretti: gli uomini impagliavano sedie, costruivano cesti di vimini o scope, riparavano o preparavano attrezzi di lavoro per i campi; le donne filavano la lana, rammendavano, lavoravano di cucito o a maglia. I bambini invece facevano i compiti, giocavano, ascoltavano e imparavano dai vecchi. Nel filò, per prima cosa si recitava il Rosario, poi si parlava di affari, di prezzi, si discuteva, si raccontavano storie, ci si corteggiava tra ragazzi. Ma c’era spazio anche per giochi di carte o altri. Nel filò la porta non era mai chiusa a chiave, e vi era libero accesso per chiunque.