Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
Condividi: Facebook Twitter
 
 

Minoranza slovena di Carinzia

Minoranze ed economia sono stati i temi al centro dell'incontro tenutosi a fine novembre tra gli sloveni di Carinzia e il Presidente della Provincia autonoma di Bolzano

Minoranze a confronto: gli sloveni di Carinzia a Palazzo Widmann con Kompatscher e Stocker (Foto USP/mb)
Minoranze a confronto: gli sloveni di Carinzia a Palazzo Widmann con Kompatscher e Stocker (Foto USP/mb)


L'Alto Adige come modello per la tutela delle minoranze linguistiche, anche per gli sloveni della Carinzia. Questo il senso dell'incontro del 27 novembre a Palazzo Widmann tra una delegazione della minoranza, guidata dal presidente Gabriel Hribar e da Franc Jozef Smrtnik, sindaco di Eisenkappel, uno dei comuni carinziani nei quali la minoranza slovena raggiunge circa il 30% degli abitanti. Assieme al presidente della Provincia di Bolzano, Arno Kompatscher, e all'assessora Martha Stocker, che di recente Ŕ stata insignita del premio "Einspieler" per il suo impegno a favore delle minoranze, gli sloveni di Carinzia hanno discusso anche di tematiche legate all'economia, e in maniera particolare di cooperazione transfrontaliera alla luce dell'accordo di collaborazione siglato negli anni scorsi dalle Camere di Commercio.
La delegazione slovena, infatti, non era composta solamente da esponenti politici, ma anche da rappresentanti del mondo economico ed imprenditoriale, i quali hanno concordato con Kompatscher e Stocker che per essere realmente e completamente tutelate, le minoranze hanno bisogno di avere alle spalle delle solide basi economiche. L'associazione degli sloveni di Carinizia (KoroÜki Slovenci) Ŕ riconosciuta dalla Costituzione austriaca e dal 2010 anche la toponomastica risulta tutelata dall'UNESCO. La collaborazione tra la minoranza e la Provincia di Bolzano Ŕ attiva da diversi decenni.
(Fonte: Ufficio Stampa della Provincia autonoma di Bolzano)