Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
Condividi: Facebook Twitter
 
 

Il Carnevale di Sappada/Plodar Vosen˛cht 2020

Appuntamento da domenica 9 febbraio con una delle tradizioni più sentite dell'isola linguistica germanofona in provincia di Udine: il Carnevale con la caratteristica maschera del Rollate

Una delle tradizioni più caratteristiche di Sappada / Plodn, isola linguistica di matrice tedesca ritornata sotto la provincia di Udine nel 2017, è certamente il suo Carnevale (vosenòcht), nel quale si intrecciano ritualità e folclore, occasione di divertimento e trasgressione.
Protagonisti sono le maschere (letter), che per camuffarsi completamente e non farsi riconoscere dai compaesani indossano volti in legno (lòrvn) intagliati da artigiani locali e tramandati spesso di generazione in generazione.
I festeggiamenti si svolgono come un tempo nelle tre domeniche che precedono la Quaresima, dedicate ai tre diversi ceti della società:

- la “Domenica dei poveri” (pèttlar sunntach), in cui con abiti dimessi si svolgono i lavori più umili per guadagnarsi da vivere;
- la “Domenica dei contadini” (paurn sunntach) che rievoca gli antichi lavori agricoli;
- la “Domenica dei signori” (hearn sunntach), espressione della classe benestante e occasione di sfoggio dei costumi più raffinati. 

I mascherati indossano vestiti appropriati a seconda della domenica e inscenano situazioni divertenti in cui coinvolgono gli spettatori e le persone delle case a cui fanno visita, parlando in falsetto (goschn) per non farsi riconoscere.

La tipica maschera, protagonista principale di questo carnevale alpino, è il Rollate, ròllat in sappadino, una figura maschile austera che indossa una pelliccia scura (pelz) di caprone che ricorda il manto dell’orso e porta il volto coperto da una maschera in legno. Il nome deriva dalle rolln, i rumorosi campanacci che la maschera porta legati in vita con una catena (kettn) e che fa risuonare al suo cammino. Indossa pantaloni a righe bianche e marroni ricavati dai teli (hile) usati per coprire gli armenti in inverno e porta scarponi chiodati (aisnschui). Unica civetteria è il ciuffo di lana rossa sul cappuccio e un fazzoletto (hòntich) al collo, rosso per i coniugati e bianco per i celibi.
I figuranti avanzano brandendo una scopa che viene usata in modo scherzoso o minaccioso.
I rollate usano rivolgersi alle persone che incontrano con frasi rituali e sono preceduti dai pagliacci (pajazn), maschere colorate con un cappello a cono, che saltellano loro intorno e rincorrono i bambini.
Il Rollate sfila in testa alle altre maschere anche il Giovedì Grasso (Vaastign Pfinzntòk) e il Martedi Grasso (Schpaib Ertach), con il Carnevale dei bambini, ma in una giornata speciale, quella del Lunedì Grasso (Vrèss Montach), è da tradizione l’unica maschera che può aggirarsi tra le vie del paese visitando case e locali.
Fino alla fine del Carnevale, in molti ristoranti e alberghi di Sappada e dintorni, sarà possibile degustare le delizie culinarie tradizionalmente preparate in questo periodo dell'anno, tra le quali diversi dolci come i krischkilan (chiacchiere), gli hosenearlan (orecchiette di lepre), i mognkròpfn con il ripieno di papavero e le castagnole (muttn).


Quando:
Dal 9 al 25 febbraio 2020

Dove:
Sappada/Plodn (Udine)

Per informazioni:
Associazione "Plodar" Germanofoni di Sappada
Borgata Bach 11 c/o Municipio - 33012 SAPPADA (UD)
Tel. + 39 0435 469126 
E-mail: info@plodn.info
Sito Web: www.plodn.info

Consorzio Sappada Dolomiti Turismo
Borgata Bach 41 - 33012 Sappada (UD)
Tel. +39 375 533 0302
E-mail: info@sappadadolomiti.com
Sito web: www.sappadadolomiti.com
FaceBook: www.facebook.com/sappadadolomiti/


Visti in TV:
A Sappada/Plodn e al suo carnevale, l'emittente radiotelevisiva bavarese BR-Bayerisches Fernsehen ha dedicato l'interessante documentario "Rollat und Bajazzo. Eine Fasnacht in den Karnischen Alpen", andato in onda nell'ambito della trasmissione "Unter unserem Himmel" (Sotto il nostro cielo); un altro filmato sul Carnevale Sappadino è stato pubblicato nel 2016 dall'emittente veneta 7GoldTelePadova sul proprio canale YouTube