Provincia Autonoma di Trento - Minoranze Linguistiche

Logo stampa
 
Minoranze linguistiche
Condividi: Facebook Twitter
 
 

Giornata internazionale della lingua madre

Il premio internazionale “Tacita Muta” viene conferito alla scrittrice e docente gardenese Rut Bernardi, che ha dedicato ricerche e opere creative alla sua lingua madre: il ladino gherdëina

Rut Bernardi, vincitrice del Premio internazionale "Tacita Muta" dedicato alle lingue minoritarie - Edizione 2021 (© Wolfgang Moroder)
Una bella immagine di Rut Bernardi (© Wolfgang Moroder)

In occasione della "Giornata Internazionale della lingua madre" indetta dall'UNESCO il 21 febbraio di ogni anno, giornata che nell'antica Roma era dedicata alla ninfa Tacita Muta, l'Associazione Internazionale dei Critici Letterari - AICL, l'Associazione dei Sardi di Roma "Il Gremio" e il Fondo V.P. Sardinia conferiscono il Premio Internazionale "Tacita Muta", che in questa quarta edizione è stato assegnato alla scrittrice e giornalista ladina Rut Bernardi, originaria della Val Gardena, in provincia di Bolzano, dove si parla uno dei 5 idiomi ladini delle Dolomiti, e più precisamente il gherdëina.

Le precedenti tre edizioni del Premio, ospitate presso la sala Italia nel palazzo dell’UnAR, Unione delle Associazioni regionali di Roma e del Lazio, sono state assegnate alla professoressa Eva Eckkrammer per le minoranze linguistiche caraibiche, a Piero Marras per la lingua sarda, a Silvia Piacentini e Caterina Fiorentini per la lingua friulana.

Quest’anno, data l’emergenza sanitaria in corso, si attenderà un miglioramento della situazione per celebrare la vincitrice in presenza, a Roma, in una sede istituzionale.

La Giuria del “Premio Internazionale Tacita Muta per le minoranze linguistiche” è composta da Neria De Giovanni (Presidente), Pierfranco Bruni, Eva Eckkrammer, Antonio Maria Masia e Valentina Piredda.